Libero Mail accedi

Libero Mail - Posta arrivataLibero.it fu uno dei primi portali di accesso al web in Italia. Negli anni ‘90 era anche uno dei pochi presenti, insieme a Virgilio e altri, fra gli aggregatori di informazioni, notizie e servizi a disposizione. Erano gli anni degli esperimenti come Arianna, motore di ricerca italiano nato dalla collaborazione proprio tra Libero.it, la Olivetti e l’Università di Pisa; era anche il periodo di Digiland, tentativo italiano di dare il via all’epoca dei social network (poi fallito, evidentemente perché i tempi non erano maturi per quel genere di uso dell’internet).

Fondato da Italia Online (abbreviato in IOL), Libero.it fu poi fuso a Virgilio quando la società italiana ne acquisì la proprietà: un connubio durato poco, che oggi vede entrambi i portali godere di una seconda giovinezza caratterizzata da indipendenza e versatilità.

Come accennato, sono stati tanti i servizi a cui Libero.it ha prestato il nome o le competenze e uno di questi, forse il più celebre, è il provider di posta elettronica chiamato oggi Libero.it Mail. Questo gestore di webmail deve molto del suo successo e della sua diffusione al periodo storico in cui Libero era anche un competitor nel mercato nazionale delle connessioni dial-up, l’antenato della banda larga. Molte delle caselle di posta elettronica create allora sono infatti ancora attive e, alcune, persino utilizzate da utenti irriducibili e coraggiosi.

Oggi però Libero.it Mail è ben lontano da essere un servizio competitivo o utile, perché offre dei vantaggi davvero miseri se comparati con quello che invece mettono a disposizione gli altri provider nazionali e internazionali. Il pacchetto Libero.it Mail è disponibile in due versioni, una gratuita e una a pagamento. In quella gratuita la sola vera risorsa fornita al cliente è 1GB di spazio di archiviazione online per i propri messaggi, il resto sono inezie come un servizio di assistenza gratuita (fornito da chiunque in qualunque settore oggigiorno, quindi non proprio un “vantaggio”). La versione a pagamento non è da meno: 5GB di spazio, rimozione dei banner pubblicitari e un servizio di assistenza “premium” a margine di ben 19,99 euro all’anno.

Libero Mail accedi

Se però siete tra i coraggiosi o i sottoscrittori di abbonamenti gratuiti di lungo corso con Libero.it Mail, ecco una guida semplice e veloce per ritrovare l’accesso alla vostra casella di posta elettronica in pochissimi passaggi.

  1. Apriamo il nostro internet browser di fiducia e andiamo all’indirizzo http://www.libero.it
  2. In alto a destra noteremo il simbolo di una lettera, clicchiamoci sopra.
  3. Si aprirà una classica schermata di log in, in cui il sistema ci chiede di inserire le nostre credenziali di accesso.
  4. Inseriamo il nostro indirizzo di posta elettronica Libero.it Mail per intero nel campo grigio che recita “Inserisci la tua email”.
  5. Digitiamo la password precedentemente selezionata nel campo a sfondo grigio più chiaro in cui è scritto “Password”
  6. Decidiamo se spuntare l’apposita casella “Ricordami”: in caso positivo, il sistema ricorderà le nostre credenziali di accesso permettendoci di accedere alla casella di posta elettronica Libero.it Mail in futuro, anche senza ripetere la procedura qui elencata.
  7. Quando abbiamo completato tutte le operazioni possiamo fare clic su “Entra”!
Libero Mail accedi
Dai il tuo voto